Vai al contenuto

Valutazione psicodiagnostica


La valutazione psicodiagnostica è un percorso clinico volto a esplorare gli aspetti della personalità emergente di un bambino, le sue competenze cognitive, le strategie di pensiero e di comportamento che utilizza, nonché i suoi punti di forza, le risorse e le potenzialità. Una valutazione psicodiagnostica permette di formulare una diagnosi psicologica specifica, utile a scegliere il trattamento terapeutico più opportuno o a valutare la necessità di un invio ad altri professionisti (neurologo/neuropsichiatra, logopedista, psicomotricista, etc.) per ulteriori approfondimenti. 

Fare diagnosi non significa apporre etichette immodificabili al bambino: si tratta, piuttosto, di dare un nome al problema che il bambino presenta, così da poterlo affrontare, sostenendo il benessere e lo sviluppo funzionale del bambino stesso.

Come si svolge una valutazione psicodiagnostica?

  • Come per il percorso di consultazione psicologica, prima di una valutazione psicodiagnostica svolgo 1 o 2 colloqui con entrambi i genitori per raccogliere il maggior numero di informazioni possibili sulle problematiche che il bambino presenta, nonché sulla sua storia evolutiva. 
  • Viene poi avviato il percorso di valutazione specifico per quel bambino: il numero di incontri può variare in base alle necessità, anche se in media si va da 3 ai 5 colloqui. Durante tali incontri vengono utilizzati diversi strumenti, tra cui il colloquio clinico, l’osservazione di gioco libero o giochi strutturati, l’uso di interviste strutturate per il bambino e/o per i genitori, test cognitivi, test di personalità o test proiettivi. 
  • Al termine della valutazione, lo psicologo analizza i dati emersi e stila una relazione clinica contenente i dettagli del percorso svolto e gli esiti psicodiagnostici, nonché le indicazioni per un eventuale percorso terapeutico e/o ulteriori approfondimenti specialistici. Tale relazione clinica verrà discussa e argomentata con i genitori stessi.

Qualora fosse ritenuto necessario per una migliore comprensione della situazione, possono essere svolte osservazioni nel contesto scolastico e incontri con gli insegnanti e/o con altre figure di riferimento.


Per maggiori informazioni: